Virtù e Fortuna


E’ un adagio già sentito, conta di più la fortuna o la virtù, con parole più attuali e soprattutto nella nostra Italia ,contano maggiormente il merito o le conoscenze?

La risposta è quasi scontata, se sei figlio di…. avrai le porte aperte. Senza dubbio ognuno può portare almeno un esempio tra le proprie conoscenze per avvalorare ciò.

Però, ci sono eccezioni, magari non eclatanti, ma ce ne sono: in genere il buon costume rispetto al mal costume è sempre silente, per cui la virtù intesa come un insieme di piccole azioni che ci portano ad un continuo miglioramento della nostra esistenza è sicuramente un’arma vincente.

Le abitudini sono la forza continuativa che permettono di raggiungere grandi traguardi e se son cattive abitudini portano a grandi sconfitte. Provate a pensare, se si ha l’abitudine di vedere la televisione quattro ore al giorno, si diventerà diversi da chi invece quel tempo lo impiega a leggere. Esempi di questo tipo possono essere infiniti e interessano tutti gli aspetti della nostra vita. Chi fuma e beve avrà una salute più precaria rispetto a chi invece ha l’abitudine di mangiare cibi sani e a condurre una vita sportiva lontana dagli eccessi.

Se si tende ad esprimere gratitudine per le cose buone invece che  lamentarsi di tutto quello che ci circonda si avrà un modo positivo di percepire la realtà.

Questo non significa automaticamente che si vincerà la cattedra di professore universitario, ma se quello è l’obiettivo, si può concorrere, avendone ovviamente le capacità.