Cannella tante applicazioni

Il Cinnamomo è un piccolo arbusto a fiori perenni originario dello Sri Lanka.

E’ la corteccia che fornisce la spezia, questa si utilizza dopo circa tre anni, quando si avvolge su se stessa, formando i tipici “rotolini” color marrone chiaro. In virtù soprattutto dei principi attivi che contiene, in particolare i polifenoli, è utile per trattare i sintomi dell’influenza, del raffreddore, del mal di gola. Inoltre protegge dal diabete, combatte il colesterolo e rende i cibi più digeribili.

È interessante il suo impiego abbinato allo zenzero, come spezia riscaldante, utile a chi, soprattutto durante l’inverno, soffre il freddo.

Ecco dunque l’opportunità di aggiungere un pizzico di cannella e un pezzetto di zenzero alle tisane. L’abbinamento tra zenzero e cannella aiuta il nostro corpo a stimolare il metabolismo e a consumare più energia.

Attenzione però a non abusarne: dosi eccessive di cannella possono procurare allergie, avvelenamento, ulcere, irritazione delle mucose dell’intestino ed allergie.

Basta un pizzico per aromatizzare  dolci, ottima una spruzzata di cannella nel cappuccino al mattino e non si può dimenticare di aggiungerla ai bigoli in salsa.

L’abbinamento con l’arancia offre atmosfere natalizie: usando i due rispettivi olii essenziali, si ottiene un avvolgente profumo per l’ambiente.

Per finire, ecco un uso poco conosciuto ma sicuramente valido: mettere nei cassetti sacchettini contenenti qualche pezzetto di cannella: sono un ottimo antitarme!

Confettura di Melone aromatizzata alla Cannella

Facilissima preparazione per una confettura particolare, buona sia da spalmare sul pane per la prima colazione e adatta anche, ad accompagnare formaggi ed affettati.

2 meloni, 1 mela, zucchero, 1 limone, cannella.

Tagliare a tocchetti i meloni che devono essere maturi e la mela, aggiungere circa metà di zucchero del peso ottenuto dalla frutta mondata, inserire il tutto in una casseruola e portare a ebollizione. Continuare la cottura per circa tre quarti d’ora.  A metà cottura aggiungere il succo del limone e a fine cottura un cucchiaino di cannella in polvere.  Per rendere omogenea la purea aiutarsi con un frullatore a immersione. Una volta pronta e ancora bollente  versarla nei vasetti caldi. Avvitare i coperchi e voltarli subito lasciandoli così fino al raffreddamento.

 

ZAFFERANO

 

Risotto alla milanese è uno dei piatti più tipici della tradizione italiana, con la sua colorazione tipica gialla data dallo zafferano, pianta della famiglia delle Iridacee, coltivata in Asia Minore e nel  bacino del Mediterraneo. In Italia le colture più estese si trovano in Abruzzo, Marche e Sardegna.  Dallo stimma trifido si ricava la spezia denominata zafferano, utilizzata in cucina e in alcuni preparati medicinali.

Lo zafferano, attualmente, viene utilizzato prevalentemente dall’industria alimentare, come spezia o come colorante, anche se è ricco di carotenoidi che riducono i danni cellulari provocati dai radicali liberi.

Uno dei suoi utilizzi più tipici nella tradizione gastronomica del bacino mediterraneo è legata al riso: da quello alla milanese, alla paella valenciana. Viene spesso usato per insaporire carni e pesci ed ancora, è alla base di piatti regionali come le zeppole sarde.

Ecco una semplice ricetta: pasta e zucchine allo zafferano:

far saltare in padella con del porro uno zucchino, mantenendo la consistenza delle verdure, aggiungere lo zafferano in polvere e subito dopo la pasta corta al dente appena scolata. Far saltare insieme tutti gli ingredienti. A piacere una spolverata di pepe.

ZENZERO

Lo zenzero è una pianta erbacea tipica del sud-est asiatico di cui si usa il rizoma fresco od essiccato e ridotto in polvere, sia in cucina che per rimedi naturali. In erboristeria si impiega sia il prodotto essiccato che l’ olio essenziale.

Lo zenzero possiede diverse proprietà ed è per questo che oltre ad essere conosciuto come spezia per insaporire i cibi è usato per rimedi fai da te semplici e sicuri.

Ottimo per un aiuto al sistema digestivo, rilassa i muscoli gastrointestinali e previene la formazione di gas e di gonfiore. Dopo un pasto abbondante mangiare un pezzettino di zenzero fresco, gradevole anche quello disidratato, che si trova  anche in confezioni già pronte in qualsiasi supermercato, è un valido aiuto per digerire ed eliminare la sensazione di pesantezza.

Fondamentali le proprietà del Zingiber officinalis  per fortificare il sistema immunitario:  viene utilizzato per la prevenzione e il trattamento del raffreddore e dei malanni del cavo respiratorio.

Ecco come preparare facilmente una tisana: in mezzo litro d’acqua far bollire per cinque minuti un pezzettino di rizoma di zenzero( grossezza di mezzo pollice circa). Prima di bere far riposare fintanto che l’acqua diventi tiepida.

Da ricordare: come si pela lo zenzero?

Sembrerà strano ma non si deve usare coltello o spelucchino, basta un cucchiaino con cui togliere la buccia che con questo sistema viene via senza sforzo.