Vigneron de Provence

Di ritorno da una breve gita in alta Provenza, a riempirci gli occhi con le distese blu-viola delle coltivazioni di lavanda e ad inebriarci col profumo che ne permeava l’aria, abbiamo deciso di puntare a sud verso la costa mediterranea passando da Aix-en-Provence.
La comune passione per il vino, infatti, ci aveva persuase a programmare la visita ad una cantina per non lasciarci sfuggire l’occasione di confrontarci direttamente con una realtà vinicola di una terra così famosa nel mondo intero. E cosa si poteva prestare meglio della Routes des vins de Provence?
Alessia, incaricata di selezionare tra tante l’azienda alla quale fare visita, ci ha condotte fino a Trets alla cantina Mas de Cadenet di proprietà della famiglia Négrel da oltre duecento anni: scelta che si è rivelata azzeccatissima!

Matthieu Negrel

 

Lasciata la strada principale ci siamo ritrovate all’interno del domaine, circondate da vigneti: lunghi, ordinati, filari di vigne verdi e rigogliose, più basse di quelle che siamo abituati a vedere nel nostro territorio, che spiccavano nitidamente contro il cielo terso di quella splendida giornata di sole.
Quando siamo arrivate in cantina non mancava molto a mezzogiorno e all’ora di chiusura, ma Matthieu Négrel non si è risparmiato e ci ha sapientemente ed appassionatamente guidate in una interessante degustazione, attraverso vitigni autoctoni, natura dei terreni e filosofia di produzione dell’azienda di famiglia.

la vigna

 

Un unico appezzamento di circa 50 ettari posto ai piedi del monte Sainte Victoire, sopra un altopiano a 250 metri sul livello del mare, contraddistinto dalla presenza di suoli differenti a seconda della zona e costituiti da ghiaia, argilla e sabbia, sui quali crescono vigne talora anche molto vecchie.
Le varietà coltivate sono quelle tipiche della zona: rolle, ugni blanc, syrah, grenache, cinsault e cabernet sauvignon, che vengono lavorate secondo le regole dell’agricoltura biologica nel pieno rispetto della natura perché solo così (è la filosofia aziendale) possono esprimere appieno la mineralità e gli aromi tipici di questi terreni. I vini prodotti da questi vignerons sono per scelta soprattutto rosé ma vi sono anche rossi e bianchi.
Essi sono piacevolissimi all’assaggio, anche così di mattina e senza accompagnarli al cibo: una mineralità importante a sottolineare l’ingresso in bocca ma poi, dopo la deglutizione, una prorompente e accattivante freschezza a rendere molto persistente il sorso. I rossi presentano un tannino mai ruvido e che, se inizialmente può sembrare ancora giovane e vivace, piano piano diventa piacevolmente setoso ed avvolgente. Che dire…vini assolutamente gradevoli e di ottima beva, che ben si prestano ad accompagnare pranzi leggeri ma anche in abbinamento a piatti strutturati ed ‘impegnativi’!
Infatti sono tre le principali linee di produzione (cuvée, alla francese) dell’azienda, caratterizzate da prodotti eterogenei che derivano da suoli, esposizioni, vigne, epoche di raccolta delle uve e lavorazioni in cantina differenti: Arbaude, Mas de Cadenet e Mas Negrel Cadenet.

selezione di vini Mas De Cadenet

 

Arbaude offre vini ottenuti da uve coltivate in una porzione omogenea di cinque ettari di vigneto; l’impiego del solo acciaio in vinificazione fa risaltare intense e fresche note fruttate.
Mas de Cadenet rappresenta la produzione principale dell’azienda: i vini sono giovani, ottenuti da uve raccolte mature e lavorate solamente in acciaio, così da esaltare la freschezza, gli aromi fruttati e le sfumature sapido-minerali tipiche della zona.
La linea Mas Negrel Cadenet costituisce invece il fiore all’occhiello della famiglia: le uve impiegate provengono da una selezione di vecchie vigne (dai trentacinque agli ottanta anni di età) ed i mosti ottenuti vengono sottoposti a lavorazioni complesse e a lunghi affinamenti in botti di rovere prima di procedere con gli assemblaggi, così da far acquisire loro delicate e preziose sfumature speziate dolci; vini complessi, ricchi di profumi, seducenti nel gusto e destinati a lungo invecchiamento… che possono essere tranquillamente ‘dimenticati’ qualche anno in cantina, rosè, bianchi o rossi che siano!
Naturalmente tutte noi abbiamo voluto portarci a casa, come dei souvenirs, alcune bottiglie dei preziosi nettari assaggiati quella mattina in compagnia di Matthieu. Saranno piacevolmente degustati, presto o tardi, e sicuramente chiudendo gli occhi ci sembrerà di tornare in Provenza e con noi lo faranno anche i nostri ospiti, senza nemmeno saperlo…

Gloria

LACOSTE, DE SADE, CARDIN

Cosa hanno in comune Lacoste, il marchese di de Sade e Pierre Cardin?

Un castello!

Il castello che domina il borgo di Lacoste nel Luberon, Alta Provenza che risale all’XI secolo. Un tempo fastoso, oggi è in parte in rovina, ma proprio in questa decadenza sta il suo fascino, una decadenza a testimonianza della storia vissuta.

Negli anni settanta del Settecento vi abitò de Sade che fuggiva alla giustizia. Però anche nel tranquillo borgo di Lacoste, che aveva ormai dimenticato le violente e sanguinose lotte religiose di due secoli prima, il comportamento libertino del marchese-poeta fu poco tollerato e dopo sette anni, la sua nuova prigionia alla Bastiglia, fu un sollievo per gli abitanti.

Lo stesso castello è ora di proprietà di Pierre Cardin, il quale oltre ad aver finanziato il recupero, sponsorizza il festival di musica e teatro di Lacoste che si svolge nelle cave del castello a fine luglio. Nel giardino superiore del castello, da cui si domina tutta la valle, le colline e i monti circostanti, sono state collocate delle sculture, che omaggiano il genio ribelle di de Sade, di Alexandre Bourganov che le ha donate allo stilista Cardin, la nuova anima spirituale del borgo.

                                                               Scultura di Alexandre Bourganov

Lacoste è anche sede della Scuola di Belle Arti voluta da Bernard Pfriem, pittore franco-americano, che come tanti altri artisti, Man Ray, Cartier-Bresson, Max Ernst, tanto per citarne alcuni, ha trovato un luogo ideale per un soggiorno e per trarne nuove ispirazioni.

Passeggiando per le viuzze suggestive dove, piante di fiori spuntano naturalmente dalle antiche pietre, si ammirano botteghe d’arte e di artigianato artistico, ragazzi che parlano in inglese, turisti curiosi che cercano un’inquadratura per lo scatto di una foto, magari che ricordi l’ambientazione del film “Un’ottima annata” di Ridley Scott.

                                                                                                      Un vicolo di Lacoste

Un paese di pochissime anime (poco più di 400) ma talmente carico di suggestioni storico – artistiche che merita assolutamente una visita.

                 Silhouette del marchese de Sade ad un ingresso del castello