Crema di ceci con gamberi

Sembra che il cognomen di Marco Tullio, gli provenisse da un suo antenato che aveva una escrescenza a forma di cece, in latino cicer, sul naso. E che quando gli consigliarono di modificarlo, lui orgogliosamente ribatté che Cicerone sarebbe diventato molto famoso….

E i ceci forse hanno aiutato: sicuramente questi legumi sono estremante salutari e non sarebbe male mangiarli almeno con frequenza settimanale.

Questo legume favorisce l’abbassamento del colesterolo, l’alto contenuto di fibre contribuisce al transito intestinale e a proteggere la mucosa. Inoltre  contribuiscono a prevenire l’ipertensione grazie all’apporto degli oli essenziali omega 3 e migliorano la circolazione del sangue perché ricchi di magnesio.

Un prodotto che ha origini molto antiche e che cresce in tuttta l’area mediterranea.

In Italia entra in molti piatti della cucina regionale si consuma abbinato alla pasta, nelle zuppe, come farina – tipica la farinata di ceci ligure.

Ed ecco la ricetta della Passatina di ceci con gamberi uno dei piatti simbolo di Fulvio Pierangelini.

Ingredienti per 4 personeun etto di ceci secchi; 8 gamberi; uno spicchio di aglio; un rametto di rosmarino; olio extravergine di oliva; sale, pepe.

Lasciate i ceci in ammollo per 12 ore, sgocciolateli, sciacquateli e metteteli a cuocere in abbondante acqua salata con l’aglio e il rosmarino per 40 minuti.

Scolate il tutto, aggiungere sale e pepe  e frullare fino ad ottenere una crema morbida.

Cuocere i gamberi senza carapace al vapore per pochi minuti. Ancora caldi deporli sopra la crema.

Plumcake salato

Per 8 persone

Ingredienti:
un vasetto di yogurt bianco
tre uova intere
1/2 bustina di lievito
200 g di farina
mezzo bicchiere di olio d’oliva
sale
Per il ripieno:
50 g di formaggio parmigiano
8 olive nere greche
mezzo etto di prosciutto cotto

In una terrina versa il vasetto di yogurt e aggiungi gli altri ingredienti, mescola fino ad ottenere una crema sufficientemente morbida. Aggiungi  il parmigiano grattugiato, le olive prive del nocciolo e il prosciutto cotto tagliato a dadini. Nel contenitore a cassetta, classico del plumcake, inserisci il composto, dopo aver imburrato e infarinato l’interno. Cuoci a forno ventilato a 180° per 30 minuti

Dado Naturale Vegetale

Impariamo a preparare un dado vegetale naturale con ingredienti di base biologici: qualità e risparmio insieme!

1 cipolla
2 carota
2 gambe di sedano

1 zucchina
100 gr di prezzemolo
20 foglie di basilico
2 rametti di rosmarino
15 foglie di salvia
150 gr di sale
1 cucchiaio di olio

Sminuzzate molto finemente le verdure e le erbe aromatiche e versarle in una pentola di acciaio con un cucchiaio d’olio, coprendole con il sale. Cuocere per circa un’ ora e mezza senza aggiungere acqua, a fiamma bassa. Frullate il tutto e rimettete sul fuoco fino a quando il composto non si sarà addensato. Il dado deve essere trasferito ancora caldo in barattoli di vetro non tanto grandi o vaschette per il ghiaccio. Una volta raffreddato si può conservare in congelatore per circa sei mesi. Una volta scongelato utilizzarlo entro 4/5 giorni.

Salame al cioccolato

E’ una delle ricette più semplici che si imparano da ragazzine. Non serve cottura, tempo di preparazione 15 minuti, più una mezza giornata di riposo in frigorifero.

E’ una ricetta che si basa sul riutilizzo delle briciole di biscotti.

Ingredienti:

150 g di burro – 100 g di zucchero – un uovo – 200 g di biscotti – 100 g di cacao – un cucchiaio di marsala – 100 g di mandorle – un pizzico di

Tritare i biscotti e mandorle grossolanamente, usare preferibilmente i rimasugli di biscotti che si depositano sul fondo del loro contenitore. Amalgamarli con tutti gli altri ingredienti  (il burro per lavorarlo va tenuto fuori dal frigo un paio di ore). Dare forma al composto di un saleme e avvolgerlo nella carta forno.  Metterlo peralmeno tre ore in congelatore e un altro paio in frigo prima di servirlo.

L’idea in più: aggiungere al composto, se magari non si hanno tante mandorle, altra frutta secca, uvetta etc…insomma tutto quello che si trova in frigo e che va finito.