SEGUIRE I PASSI DI HEMINGWAY A L’AVANA

Ci sono tanti modi per scoprire una città e sicuramente, calpestare le orme di qualche personaggio che ha contribuito a fare la Storia, è stuzzicante. L’Avana di Hemingway probabilmente è una città che non esiste più, molte cose sono cambiate dagli anni ’40 ’50, ma i luoghi storici, amati e frequentati dallo scrittore resistono come tanti cimeli. Passeggiando per la città vecchia incontriamo, di recente ristrutturato, l’albergo Ambos Mundos, in cui l’autore, nella camera 511, scrisse il romanzo Per chi suona la Campana. 

Interno dell’albergo Ambos Mundos

Uscendo dall’hotel e percorrendo tutta via Obispo si giunge al Floridita, altra tappa obbligata del mondo di sapori e di suoni di Heminqway.

Il Floridita, locale che vanta la dicitura “la cuna del daiquiri”, uno dei cocktail  preferiti dallo scrittore, che come recita la tradizione cubana, fu creato dal padrone del locale, Costantino Ribalaigua con il contributo, sicuramente nell’assaggio, dello stesso autore.

Continuando la passeggiatala hemingwayana si giunge alla Bodeguita del Medio, altro bar-ristorante, sempre nella città vecchia, frequentato dallo scrittore dove, oggi,  a tutte le ore c’è una ressa di turisti che si affollano per ber un mojito o scattare semplicemente una fotografia, mentre all’interno musicisti cubani si scatenano nei loro ritmi tradizionali.

Interno della Bodeguita del Medio

Spostandosi a pochi chilometri dalla capitale si arriva a Finca Vigia la casa in cui lo scrittore americano visse per vent’anni.
La casa museo è stata mantenuta così come era: al suo interno intatti sono gli arredi, tra cui la vecchia macchina per scrivere, libri, carte, appartenuti allo scrittore, premio Nobel.

La macchina per scrivere di Hemingway

Nel parco della residenza è collocato Pilar, il mitico peschereccio di 12 metri protagonista di tante avventure che poi hanno ispirato racconti e romanzi tra cui il celeberrimo Il Vecchio e il Mare.

Il soggiorno di Finca Vigia

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *