Consigli per una buona evacuazione

Vivere bene, in salute, è un’aspirazione legittima. Per raggiungere una buona qualità di vita non si dovrebbe cadere in eccessi, consigliabile invece, mantenere abitudini quotidiane salutari. Quindi prima di tutto mangiare bene e di conseguenza avere una regolare evacuazione.

Ecco alcune buone regole per combattere la stipsi, sempre che non ci siano patologie particolari. La stipsi è un problema sempre più rilevante nelle società occidentali, legate a ritmi di vita frenetiche, ad abitudini alimentari non buone e a sedentarietà.

Ma non va nemmeno trascurato l’aspetto psicosomatico: conflitto tra il trattenersi e il lasciarsi andare, in altri termini tra il possesso e la donazione di qualcosa che ci appartiene. Ecco perché a volte la stitichezza può essere causata da situazioni ambientali stressanti. In questo caso, l’intestino, il nostro secondo cervello, si fa carico di tenere per noi quel poco che ci rimane, in una sorta di chiusura nei confronti del mondo che sentiamo minaccioso. Ovvio che, sebbene non sia per niente facile, bisognerebbe cercare di smussare le tensioni che si creano negli ambienti che più fanno parte della nostra vita: lavoro e famiglia.

Oltre a questo vi suggerisco alcune pratiche semplici ma molto efficaci soprattutto se seguite con costanza, in maniera da formare un vero e proprio stile di vita.

Iniziamo dalla mattina, bevendo appena alzati un bicchiere di acqua  tiepida con il succo di mezzo limone.

Preferire cereali integrali, che ormai sono molto diffusi, pasta, pane, riso etc. ricchi di fibre. Mangiare molta frutta, meglio se lontana dai pasti e preferibilmente a metà mattina e verdura sia cotta che cruda ad ogni pasto. Bere almeno un litro e mezzo di acqua durante la giornata, esclusa quella che si consuma durante i pasti. Cercare di svolgere un’attività fisica con costanza, da preferire, qualsiasi sport aerobico, dallo jogging all’acquagym.

Nei momenti di maggior difficoltà ricordarsi che alcuni prodotti hanno un forte potere lassativo, tra cui i Kiwi e le prugne, da consumare anche questi lontano dai pasti.

 

Una risposta a “Consigli per una buona evacuazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *