RECUPERARE MOBILI DI FAMIGLIA

In questo momento di crisi e di difficoltà per tutti e soprattutto per il nostro pianeta, perché invece di accumulare roba su roba non cerchiamo di recuperare?

Ci vuole un po’ di manualità, pazienza e  fantasia, e i  mobili della nonna avranno nuova vita. Basta munirsi di qualche attrezzo facilmente reperibile nei negozi di bricolage.

Per prima cosa trattare il mobile che si vuole recuperare con l‘antitarlo, operazione semplicissima: meglio passare l’insetticida su mobili sverniciati così può penetrare più in profondità quindi, bisogna per prima passarli con la cartavetro. Dopo queste operazioni, per tamponare i buchi lasciati dai tarli e le imperfezioni che il tempo ha lasciato si usa lo stucco per mobili.

Quando si ottengono così pareti perfettamente lisce, si può dar libero sfogo alla nostra creatività. Basta sceglier un colore vivace, rosso, giallo, verde che già il vecchio cassettone prende tutt’altra aria.  Si possono usare vernici metallizzate, utilizzare foglia oro o argento o il découpage.

Si possono recuperare così mobili di qualsiasi tipo a anche complementi d’arredo, cornici, cassette, vasi etc. come questo semplice tavolino in legno di abete, esempio d’arte povera che con una laccatura nero lucido ha acquistato un sapore prezioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *