Crema di ceci con gamberi

Sembra che il cognomen di Marco Tullio, gli provenisse da un suo antenato che aveva una escrescenza a forma di cece, in latino cicer, sul naso. E che quando gli consigliarono di modificarlo, lui orgogliosamente ribatté che Cicerone sarebbe diventato molto famoso….

E i ceci forse hanno aiutato: sicuramente questi legumi sono estremante salutari e non sarebbe male mangiarli almeno con frequenza settimanale.

Questo legume favorisce l’abbassamento del colesterolo, l’alto contenuto di fibre contribuisce al transito intestinale e a proteggere la mucosa. Inoltre  contribuiscono a prevenire l’ipertensione grazie all’apporto degli oli essenziali omega 3 e migliorano la circolazione del sangue perché ricchi di magnesio.

Un prodotto che ha origini molto antiche e che cresce in tuttta l’area mediterranea.

In Italia entra in molti piatti della cucina regionale si consuma abbinato alla pasta, nelle zuppe, come farina – tipica la farinata di ceci ligure.

Ed ecco la ricetta della Passatina di ceci con gamberi uno dei piatti simbolo di Fulvio Pierangelini.

Ingredienti per 4 personeun etto di ceci secchi; 8 gamberi; uno spicchio di aglio; un rametto di rosmarino; olio extravergine di oliva; sale, pepe.

Lasciate i ceci in ammollo per 12 ore, sgocciolateli, sciacquateli e metteteli a cuocere in abbondante acqua salata con l’aglio e il rosmarino per 40 minuti.

Scolate il tutto, aggiungere sale e pepe  e frullare fino ad ottenere una crema morbida.

Cuocere i gamberi senza carapace al vapore per pochi minuti. Ancora caldi deporli sopra la crema.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *